Rappresentare i sogni nello psicodramma analitico

RAPPRESENTARE I SOGNI NELLO PSICODRAMMA ANALITICO

Lo psicodramma junghiano è una teoria della tecnica psicodrammatica articolata in un modello complesso di conduzione e osservazione. Deriva dalla teoria analitica di C.G.Jung sui sogni, l’inconscio personale e collettivo e dai concetti di rete e matrice personale, dinamica e di fondazione di S.H.Foulkes.

Il conduttore presenterà una breve spiegazione della teoria dello psicodramma junghiano e quindi seguirà una più consistente parte esperienziale. Mostrerà come interpretare sogni appartenenti a diverse categorie: sogni simbolici, sogni visio, incubi, sogni oracolo, sogni ricorrenti e sogni sociali. Presenterà nuove tecniche di riscaldamento, integrando la sociometria di J.L.Moreno e gli esercizi di immaginazione attiva junghiana. Verrà presentata la tecnica
dell’incubazione dei sogni secondo l’antica antropologia della medicina di Asclepio. In ogni sessione verranno presentati due o tre sogni da protagonisti differenti.

Dopo la condivisione finale, ci sarà un’osservazione, che con stile narrativo comunicherà il processo del gruppo, il senso dei sogni e dei giochi associati e drammatizzati. Nella narrazione finale l’analisi del processo dinamico del gruppo e le amplificazioni mitopoietiche cercheranno di collegare i singoli temi rappresentati alle tematiche archetipiche attive nell’inconscio collettivo del gruppo.

Scarica il volantino